maggio
6

Ecco tutti i font che sono stati utilizzati da questi siti per i loro loghi:

 

[ source ]

 

0
maggio
6
Immagine anteprima YouTube

 

 

0
aprile
19

ragazza top bianco facebook

Ieri avrete visto questa foto in molte bacheche di FB (forse anche la vostra!), spero non abbiate ceduto alla tentazione di cliccarvi. Un link che, se cliccato, faceva ripartire la “catena” malevola e permetteva di rubare i dati di accesso a Facebook delle vittime, riproducendosi a dismisura e taggando nella foto incriminata tutti gli amici dell’infettato.  Anche se FB ha tolto l’immagine chi avesse cliccato sul link è meglio che faccia un controllo anti-virus e cambi le password di accesso al suo profilo. È sempre meglio non cliccare mai su link sospetti (che prometto immagini esclusive, oscene ecc.) soprattutto se non se ne conosce la fonte.

[ source ]

0
novembre
12

La storia di un uomo raccontata attraverso le interazioni con gli amici su Facebook

0
settembre
4
Immagine anteprima YouTube

Gamesalad è un tool gratuito per Mac per creare giochi con un semplice drag-and-drop. Permette di creare giochi per diverse piattaforme, dal Web (Facebook) fino all’iPhone. Proprio per quest’ultimo però, mancava ancora la possibilità di creare applicazioni native, da vendere poi in AppStore, la GendaiGames ha dichiarato che a breve sarà possibile.

> gamesalad.com

[ ispazio ]

1
luglio
7

Seegugio è un’applicazione di Facebook che permette di visualizzare anche le foto di persone che non sono fra i nostri amici (a patto di avere qualche amico in comune). È risaputo che se su Facebook un amico lascia un commento o viene taggato in un determinato album si riesce a visualizzare tutte le foto dell’album anche se non si è amico del possessore della foto o dell’album stesso. Seegugio non fa altro che sfruttare questo principio per rendere la cosa di semplice utilizzo. Certamente molto si può discutere sulla gestione della privacy di Facebook. In teoria viene garantita impostando come si deve le impostazioni sulla privacy, il problema è che quando creiamo un nuovo album queste impostazioni sono di default sul più basso livello di salvaguardia della privacy possibile e la maggior parte degli utenti lasciano sbadatamente l’impostazione così com’è, lasciando a chiunque, di fatto, la possibilità di vedere le proprie foto e di accedere alle proprie informazioni personali.

Consiglio a tutti coloro che utilizzano Facebook di dare un occhiata a questo articolo su web.splesh.net sulle impostazioni della privacy in facebook. Sono un abituale utilizzatore di Facebook e lo adoro ma sono anche convinto che la questione della privacy non andrebbe presa alla leggera come invece molti fanno, ne è un esempio il caso scandalo delle foto di Bono degli U2 che sono girate proprio a causa di impostazioni sbagliate della privacy:

[ splesh web ]

0

Featuring YD Feedwordpress Content Filter Plugin