settembre
18

Il circuit bending è l’arte, inventata da Reed Ghazala nel 1960, di creare cortocircuiti di basso voltaggio in strumenti elettronici alimentati a pile, come giocattoli, tastiere, batterie elettroniche e effetti per chitarra, allo scopo di creare nuovi strumenti musicali e generatori di suono. Tale processo consente di sperimentare nuove sonorità caratterizzate da causalità e spontaneità dei suoni. Generalmente è un processo che si associa alla musica elettronica sperimentale e che è nato e si è sviluppato grazie alla necessità di sperimentare su strumenti di seconda mano e preferibilmente anni ottanta (come lo Speak&Spell o l’italiano Grillo Parlante) al fine di ottenere risultati sempre più interessanti e imprevedibili.
Ecco un esempio di musica che si può fare mettendo insieme 3 diversi tipi di Grillo Parlante in corto:
Immagine anteprima YouTube

Interessate il lavoro dei Modified Toy Orchestra (da un progetto di Brian Duffy), un gruppo che crea musica elettronica da vecchi giocattoli di bambini in disuso, trovati ai mercatini e poi rielaborati.

Immagine anteprima YouTube

Su YouTube ci sono molti video con le performance live di questo gruppo che a giugno si era esibito anche a Dissonanze a Roma. Per maggiori informazioni c’è la loro pagina su MySpace (myspace.com/toyorch)

Per maggiori informazioni sul circuit bending: www.circuitbend.it

[ source : Arcy ]

0

Scrivi un commento

Attenzione: il tuo commento potrebbe non essere immediatamente visibile poichè è attiva la moderazione dei commenti. Non è necessario inviarlo nuovamente.

Featuring YD Feedwordpress Content Filter Plugin