luglio
13

accessdenied.jpg

Per poter accedere a siti censurati dal provider o inibiti dall’amministratore di sistema dell’ufficio abbiamo le seguenti possibilità:

  1. Usare l’indirizzo IP – Questa è la via più semplice per aggirare il blocco basato sul nome a dominio. Per sapere a quale IP corrisponda il dominio si può utilizzare uno strumento come questo.
  2. Usare la cache di Google – Nella cache purtroppo non ci sono contenuti molto aggiornati.

    [continua...]

  3. Usare un Anonymizer – Con questo metodo usi un servizio di terzi che fa una richiesta al server che vuoi raggiungere. Ci sono due problemi: la lentezza nella navigazione e il fatto che non ci sono molti servizi ancora gratuiti. Ecco quelli rimasti (per adesso)
  4. Usare un tool di traduzione online – Con questo metodo si sfrutta il servizio come se fosse un proxy. Eccone alcuni:
  5. Usare la ricerca di Google Mobile - Google mobile search funziona, ma il risultato potrebbe non essere ottimale.
  6. Ottenere pagine web via email – Utile quando serve una singola pagina web. Web2Mail, ad esempio, è un servizio gratuito di invio di pagine web via email.
  7. Usare Tor Distributed ProxyTor è un sistema avanzato di server proxy anonimi. E’ necessario scaricare il tool e installarlo.
  8. Usare un tuo server proxy – E’ la tecnica migliore ma richiede perizia nella installazione e configurazione del server.

[ source: sergiogandrus.it ]

0

Scrivi un commento

Attenzione: il tuo commento potrebbe non essere immediatamente visibile poichè è attiva la moderazione dei commenti. Non è necessario inviarlo nuovamente.

Featuring YD Feedwordpress Content Filter Plugin