maggio
11

Torna l’Amiga… forse

Posted In: Vintage by Sky

amiga

Per i più giovani l’Amiga è una piattaforma informatica ideata nei primi anni ottanta e commercializzata da Commodore a partire dal 1985. I computer Amiga introdussero il concetto di multimedialità per mezzo di speciali chip custom che permettevano all’utenza comune di elaborare grafica, video ed audio a costi irrisori rispetto alle altre piattaforme dell’epoca.
News da Punto -informatico: Amiga tenta per l’ennesima volta di rinascere dalle proprie ceneri, lasciandosi alle spalle fallimenti, passaggi di mano, scissioni, battaglie legali e tutti gli eventi negativi che hanno funestato gli ultimi 15 anni di storia della celebre macchina Commodore… (continua)

A sfidare di nuovo la sorte è Amiga Inc., che insieme alla società canadese ACK Software Controls, specializzata in sistemi embedded, ha di recente rivelato le specifiche tecniche di due nuovi computer chiamati Power System [...] L’azienda americana non ha specificato quale sistema operativo girerà sui nuovi eredi di Amiga: potrebbe essere AmigaOS 4.0, ma anche Linux o altro ancora. AmigaOS sarebbe la scelta più logica e coerente, ma non è ben chiaro quali effetti avrà la causa appena intentata da Amiga Inc. a Hyperion, madre dell’ultima reincarnazione di AmigaOS.

Per avere info aggiornate: bullet Amiga.com/news

Curiosità:

L’Amiga quando uscì era il sogno di molti, è stata la macchina che ha reso concreto il concetto di multimedia.
Riporto le caratteristiche tecniche, di tutto rispetto per l’epoca, ma che oggi fanno sorridere:

  • Modello: Amiga 500
  • Produttore: Commodore
  • Anno di produzione: 1987
  • RAM: 512k (esp. a 1MB)
  • CPU: Motorola 68000 a 7mhz
  • Schermo: fino a 640×512
  • Colori: fino a 4096 (modo HAM)
  • Suono: 4 canali stereo a 14bit

Il computer di Andy Warhol:Andy Warhol
In quella che molti ritengono la prima presentazione multimediale mai fatta, il 23 luglio 1985, al Lincoln Center di New York, la leggenda della Pop Art Andy Warhol salì sul palco utilizzando un computer per creare un ritratto digitale nel suo stile unico della pop star Debbie Harry.
Quella sera il mondo intero non solo scoprì un nuovo computer, l’Amiga per l’appunto, ma un modo nuovo di vedere i computer stessi. Fino ad allora limitati ad una audience di appassionati e visti come oggetti per ingegneri e nerds ora i computer diventavano qualcosa di completamente nuovo: uno strumento per fare arte e, più generalmente, design.

Warhol acquistò parecchie Amiga e se le portò nel suo studio per continuare i suoi esperimenti. Poco o niente ci è rimasto di quelle prime prove di computer graphic fatte dal maestro, solo “You are the One” (scoperta nel 2001) cortometraggio animato digitale creato da Warhol composto da 20 video frames “dipinti” uno ad uno (alcuni frame sotto).

aw_ma.jpg

bullet leggi tutto

0

Scrivi un commento

Attenzione: il tuo commento potrebbe non essere immediatamente visibile poichè è attiva la moderazione dei commenti. Non è necessario inviarlo nuovamente.

Featuring YD Feedwordpress Content Filter Plugin